Pagina:Discorso Economico sopra la Maremma di Siena.pdf/84

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
82

bondantemente, e vedrà presto i venditori mortificati scontare in dieci mesi l’accrescimento del prezzo, che avevano forse malignamente procurato.

[L’alto prezzo riempie la Città, ed è cagione, che poi le Grasce si avviliscono.] L’unico antidoto provato, e sperimentato per chiamare alla Città l’abbondanza, si è il tenere in riputazione i Mercati di Settembre in modo, che metta conto di riempirla: perchè più presto, che v’entra Grano, più presto si avvilisce da se medesimo. Non pretendo però, che quei, che vi presiedono debbano impegnarsi a preparare colle proprie mani a popoli una sì amara medicina, basta, che lascino correre, ne impediscano la natura, se opera da se medesima.

Quel pretendere di affaticarsi, quando non bisogna, e subito dopo raccolte fertilissime per tenere il prezzo più vile, a vuotare i Magazzini del Pubblico, da riempiersi poi fra pochi mesi, l’è un volere, che si ammali il Popolo di ripienezza per aver poi l’onore per pigliarsi il piacere di