Pagina:Dizionario mitologico ad uso di giovanetti.djvu/60

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
44

no la loro freschezza alla rugiada, che stilla dagli occhi dell’Aurora in guisa di liquide perle. Fig. 12.

Auspicio, specie di augurio, che intendesi precisamente del volo e del canto degli uccelli, per mezzo del quale pretendevasi scuoprire la volontà degli Dei e le cose future.

Averno; lago nella Campania presso Baja consagrato a Plutone. Uscivano da questo luogo dell’esalazioni così infette che comunemente credevasi di esser quivi l’ingresso dell’inferno; e che gli uccelli, i quali volavano attraverso di questo Lago, vi cadevano estinti. Gli Antichi davano parimente il nome di Averno a tutti que’ luoghi, ch’esalavano vapori infetti.

B

Baccanali, festa instituita in onor di Bacco, che passò da Egitto in Grecia, e celebravasi con tutte le specie di dissolutezze. Fu anco introdotta in Italia, ove replicavasi tre volte l’anno, e dipoi più spesso ancora. Il Senato di Roma pubblicò un decreto nell’anno 568, che abolì queste infami orgie in tutta la repubblica.

Baccanti, donne, che celebravano i misteri di Bacco. Le prime, che portarono questo nome, furono quelle, che seguirono Bacco alla conquista delle Indie tenendo in mano un tirso coverto di edera e di pampano, ovvero di foglie di viti. Spessissimo nude all’intutto, a riserva di un sottil velo, che volgevansi intorno, e che copriva appena qualche parte del cor-