Pagina:Dizionario triestino (1890).djvu/105

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CIA - 104 — CIA

ciatore, ciancione, ciancioso, ciarladore, ciarlatore, ciarliere, ciarliero, ciarlone, cornacchia, favellonico, ghiandaione, gracchia tabella, taccola, verboso; met. ciarlivendolo.

Ciacolona, sf. t. di giuoco: briscola chiacchierina.

Ciacolume, sm. cianciume.

Ciamada, sf. chiamamento.

Ciamar, va. chiamare; invocare; damar, o damar fora, sfidare a’ cazzotti, a’ garontoli; damar le anime, i spiriti, evocare le anime, ecc; — i cani, allettare i cani; — el dotor, la comare, ecc. mandare pel medico, per la levatrice, ecc.; — indrio- richiamare; — soto vose, socchiamare; ciamarse contento — di un affare, ecc.: acchettarsi ad una cosa; far damar, far citare in giudizio; ciamarse fora, m. de’ giuocatori: chiamarsi fuori: damar che se fa sciocando la lingua, per avertir el cavai, sdrisciare, sdriscire; ciamarghene un altro, met.- aver fatto i suoi tempi: — „Sto tabaro ghe ne dama un altro, ma lo porto anca sete ani. = Questo mantello ha fatto i suoi tempi; lo porto però già sett’anni.“

Ciamata, sf. chiamata.

Cianciut, sm. incubo, fantasima, fantasma; met. cazzatello, pigmeo, pimmeo, scriato, tappo da botte.

Ciantin, agg. e sm. briciolo, pocolino, nonnulla.

Ciapa, sf. chiappa, natica; poet. clune — v. latina questa, usata dal Monti nella sua traduzione dell’Iliade, sembrandogli troppo bassa, suppongo, l’italiana usata dal Salvini.

Ciapar, va. e vn. abbarbicare, appigliare; imberciare; cogliere, raccogliere; ricevere; prendere; accalappiare; sorprendere; acchiappare, afferrare, appigliare, chiappare, gherr mire, pigliare; acciuffare, arrestare, attrappare; ciapar el primo che capita — occorrendo la notte un sacerdote, un medico, ecc.: prenderlo a frugnolo: — ,. Ci hai condotto quel mediconzolo ? — L’ho preso a frugnolo: a tempo di carestia pan vecciato, amico mio;“ ciaparghene tante quante che se ghe ne poi portar — percosse: imbottire il giubberello: — „Voleva fare lo smargiasso, ma que’ villani gli han imbottito il giubberello così, che ha finito allo spedale;“ ciaparla con qualchedun,-prendersela con quel tale; no saver come ciapar uno, met. essere colui come il cencio del cesso; si, dopilo inter. “giammai, — no, — neanche per ischerzo — e simili; ciaparla tropo alta, met. intonarla troppo alta; ciapar su — le abitudini, i modi di un altro: essere accostevole; ciaparle come che le vien, o come che le sa vignir, met. non volerla nè più cotta nè più cruda, — pigliare il mondo come viene; ciaparla come gnente fussi, pigliarsela a tanto, a due soldi — e simili — la calata; tanti el ghe ne ciapa tanti el ghe ne spaca, met. tanti ne nasce, tanti ne muore: — vEl guadagna assai ma no ’l ga un soldo, perchè tanti che ’l ghe ne ciapa tanti fi ghe ne spaca. = Guadagna molto, ma non possiede il becco d’un quattrino, perchè tanti nè nasce tanti nè muore;“ chi dormi no ciapa pessi, prov. chi dormi non piglia pesce, o pesci, — il caldo delle lenzuola non fa bollire la pentola, — mentre il cane piscia la lepre se ne va; ciapa su e porta casa, v. casa.

Ciapo, sm. branco, brigata, stormo; ciapo de bestie grosse, armento; — de ape, gomitolo; andar a ciapi, andare a branchi, o a stormi.

Ciara, sf. albume, chiara; ciara sbatuda, chiarata; ordegno per sbater le dare, frusta: — „ Col piron no .se sbati ben le dare, ghe voi quel ordegno. = Colla forchetta non si fa bene la chiarata, ci vuole la frusta.“

Ciareza, sf. chiarezza, chiarità, chiaritade, chiaritate, lucidezza, splendore.

Ciarificar, va. chiarificare.

Ciarificazion, sf. chiarificazione, chiaritura.

Ciaro, agg. avv. e sm. chiaro, luce; chiarore; lucentezza; franco; libero; limpido; lucente; netto, puro; trasparente; evidente, manifesto; intelligibile; sereno; rado, raro; chiaramente; ciaro che cava i od, bagliore; esser ciaro, met. esser chiaro, od