Pagina:Dizionario triestino (1890).djvu/440

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
STA - 439 — STA

vigna; farse in un stato — insudiciandosi: introiarsi; far stato de una roba, farvi assegnamento, — riposarvi sopra.

Statua, sf“. statua •, statua de persona a caval, statua equestre; — de persona a pie, statua pedestre; arte de far statue, o de piera, o fuse, statuaria; chi che fa statue, scultore, statuario; far statue, statuare; farghe la statua a qualchedun, innalzare la statua a quel tale; color negro che ciapa la statua al aria libera, gromma.

Statuaza, sf. statuaccia.

Staza, sf. bastone.

Stazion, sf. porto; stazione.

Steca, sf. stecca; steca de caligheri, liscetto; met. cotta ubbriacaggino, ubbriacatura.; esser una steca veda, met. aver cotto il cui nei ceci rossi, — essere un carbacchione di campanile, o un formicone di sorbo, — aver scopato più d’un cero. Stecada, sf. steccata, steccheg giata; dar stecade, steccheggiare.

Stecadenti, sm.- cura denti, dentelliere, steccadente, steccadenti, stecchino, stuzzicadenti.

Stecato, sm. assito, intavolato, palancato, stecconato.

Steco, sm. fuscello, stecco; met. allampanato, fuseragnolo macilente, mingherlino, spilungone; meter in stechi un brazo, o una gamba, incannucciare un braccio, una gamba; el meter in stechi, c s. incannucciata: — „ Causa l’incannucciata mal fatta cammina ora zoppicando;“ meterghe i stechi a le pele per distirarle ben, steccare le pelli.

Stela, sf. stella; asterisco; guida, scorta; destino; occhio; de stela, stellare; che ga stele, stellifero; stela de mar, zi- asteria; stela che qualche cavai ga in mezo de la fronte, che xe veramente una picola macia, fiore, stelletta; — del spiron, girella spronella; impinir de stele, coprirsi di stelle: — „La volta celeste si coperse di stelle;“ stelleggiare: — „Fecesi stelleggiare il costume di fata;“ esser una stela, met. essere un occhio di sole: — „La Cristina non è un occhio di sole, ma in compenso è colta e manierosa;“ andar a le stele, met. andare, o salire alle stelle; portar a le stele, me’, innalzare, levare, o portare alle stelle; far veder le stele, met. far veder le stelle, e come intensivo: far vedere le stelle a meriggio, o a mezzogiorno.

Stelar, vn. instellare, stellare.

Steleta, sf. stellina, stelluzza; pi. specie di pasta da minestra: stelline; zi. lo stesso che rempinpin.

Stema, smf. arme, insegna, stemma: — „Lo stemma di Trieste. — „Questo stemma i’ non lo conosco.“

Stemperada, sf. stemperamento, stemperatura.

Stemperar, va. sciogliere, stemperare.

Stendardo, sm. stendardo; chi che porta ’l stendardo, stendardiere; met. fuseragnolo, sparagione, spilungono: — „Han messo in prima fila que’ spilungoni che ci tolgono tutta la vista;“ antenna: — „Sull’antenna sventolavano gì’ insegne di tutte le nazioni.“

Stenografar, va. stenografare.

Stentar, vn. stentacchiare, stentare; patire, stentare, — fare stento; stentar de parlar, biascicare le parole; far stentar, angariare, soperchiare; tenere a stecchetto; dare, pagare, versare — e simili — a miccino, o a spilluzzico, — avere il granchio alla scarsella.

Stenterei, agg. scriato, stentino, stento

Ster, sm. staio.

Stereotipar, va. stereotipare.

Stereto, sm. staiuolo.

Sferica, agg. e. sm. stearica.

Sterminata, sf. guasto rovina, sterminament’o, sterminazione, sterminio.

Sterminado, agg.. grandissimo, smisurato, sterminato.

Sterminar, va. esterminare, sterminare; annientare, rovinare, sperdere; logorare, strusciare; dilapidare, fondere, sperperare.

Sterminator, sm. sterminatore, dilapidatore, sperperatore; logoratore, strusciatore.