Pagina:Domenico da Noci - Cenno istorico del Comune di Cassano provincia di Bari e relazione del santuario della Madonna degli Angeli, 1855.pdf/45

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 35 —

santi voti s’intromette in questo sotterraneo viottolo, e prima vi trova una stanza umile ed ingom­bra di macerie e di rottami. Sebbene orrido fosse all’aspetto il luogo, pure gli sembra sentire un’au­ra di paradiso; perciò coll'anima ricolma di santi pensieri, e col cuore ingombro di tenero irresisti­bile affetto, da questa stanza, scendendo per alquanti gradini, passa nell’altra, ed ecco, oh prodigio! oh portento! ed ecco osserva in faccia al mu­ro l’effigie della Vergine SS. col Bambino tra le braccia, giusta la visione apparsagli, circondata da molti Angeli del Cielo che eranle intorno a farle onore! Chi mai potrà ridire qual impeto di gioia, quale tumulto soave de’ più soavi affetti in­nonda il suo cuore? Già col cuore ricolmo di sacro brivido, e cogli occhi rigonfi di lagrime della più sincera tenerezze, si prostra innanzi alla sacra immagine, le offre un tenero tributo di lacrime, im­prime mille divoti baci su quei volti santissimi della Madre e del Figlio, e con voci interrotte dal pianto, loda Maria, benedice Maria, ringrazia Ma­ria che lui tra tante umane creature avea singolar­mente prescelto a questa operazione tutta celeste e tutta divina. Già pieno di consolazione esce da questo sacro luogo, e subito festante al paese ne reca il felice annunzio.

La novità del caso, l'importanza data e quella religiosa scoperta, il desiderio e il dovere di ado-