Pagina:Dottrina dello Schiavo di Bari.djvu/24

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
22

Per lei non consumar lo tuo podere;
Dàlle quello che tu puoi sostenere,
Sta con li tuoi, così farai savere,
                              E ponci cura.

Uomo che vuol volar contra natura,
E vuol per forza montare in altura,
Se non v'aggiugne, e' cade in terra dura,
                              E si disface:

Lo pensier li divien tutto fallace.
Figlio, quand'odi quel che non ti piace,
E non puote essar altro, datti pace,
                              Ch'è 'l migliore;

Ch'i' ho veduto 'l buon sofferitore,
Per umiltade essare vincitore,
E per superbia essare perditore
                              D'ogni prova.

Quale uomo sede bene, non si muova;
Chi va carendo il male, assai ne trova:
Chi lascia la via vecchia per la nuova,
                              Fa follezza.

Bella cosa mi par la gentilezza,
E la cortesia e la nettezza:
A quelle cose che l'uomo s'avvezza.
                              Sì si mantiene.