Pagina:Doyle - Le avventure di Sherlock Holmes.djvu/166

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 160 —




E la mia storia è al suo termine. Tiburzio era il colpevole, abbenchè egli si ostinasse nel più cupo silenzio, si potè ricostituire il fatto. Egli avea gettato il compagno in un crepaccio del ghiacciaio, e nella lotta avea perduto il berretto. Egli avea compiuto il suo delitto a molti chilometri di distanza sulla vetta della montagna, ma in quegli anni la discesa progressiva dei ghiacci aveva trasportato il corpo — chiuso da essi e sottratto al contatto dell’aria — giù giù fino a deporle ai piedi del suo assassino.

Il ghiacciaio avea serbato il segreto: la colpa stessa lo avea svelato.




F i n e