Pagina:Elogio della pazzia.djvu/140

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

della pazzia 127

ha ricevute le chiavi dalle mani stesse dell’Uomo Dio, e non è certamente da supporsi che volesse collocarle in cattive mani; pure non so se quel beato pescatore conoscesse bene il significato di quelle mistiche chiavi. Noi però sappiamo di certo che non chiese mai a Dio suo maestro, come un rozzo ed ignorante pescatore potesse avere le chiavi della scienza. Gli Apostoli battezzavano continuamente, e ciò non ostarne non insegnarono mai nè cosa fosse la causa formale, materiale, efficiente e finale del battesimo, nè fecero mai menzione del carattere delebile ed indelebile. Questi fondatori della cristiana religione adoravano Dio; ma la loro adorazione s’appoggiava a questo principio fondamentale dell’Evangelo: Dio è un puro spirito, e bisogna adorarlo in ispirito e verità. Pare ancora che non sia stato agli Apostoli rivelato, che il culto,