Pagina:Elogio della pazzia.djvu/154

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

della pazzia 141

la disgrazia d’irritare questi fuchi della società! La loro vendetta vien pronta come la folgore del cielo Subito al primo discorso che fanno al popolo, scagliano i loro dardi contro il proprio nemico, e il padre predicatore lo dipigne così al naturale nelle caritatevoli sue invettive, che bisognerebbe esser cieco a non conoscerne il soggetto; e questo mastino non lascerà di latrare, se non quando, a guisa di ciò che fece Enea col Cerbero, gli avranno chiusa!a bocca con degli ingoffì. Giacchè parliamo di questi buoni apostoli sul pergamo, ditemi un poco se non è vero che abbandonereste qualunque ciarlatano, qualunque saltimbanco, per correre ad udire i loro ridicoli discorsi? Costoro potrebbersi chiamare con tutt’onore le scimie de’ retori, tanto piacevolmente imitano le regole, che i retori hanno date intorno all’arte del parlare. Dio buono! osservate come gestiscono, come modulano con maestria la