Pagina:Esperienze intorno alla generazione degl'insetti.djvu/38

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
34 ESPERIEN. INT. AGL’INSETTI

tuto, che un moscone da lui preso gli partorisse nella mano alquanti di quei piccoli vermi; e da tale avvenimento suppose egli che tutte le mosche generalmente figliassero bachi viventi e non uova: ma quanto quel dottissimo uomo s’ingannasse a bastanza si può conoscere per quello che di sopra ho scritto. Ed in vero alcune razze di mosche partoriscono vermi vivi, ed alcune altre partoriscono uova, e me ne son certificato con l’esperienza e su ’l fatto; nè mi convince punto nè poco l’autorevolissima testimonianza del sapientissimo padre Onorato Fabri della venerabile Compagnia di Giesù il quale, al contrario di quel che tenne lo Scaligero, ha creduto nel lib. della generaz: degli Anim: che le mosche figlino sempre l’uova e non mai i vermi. E’ può ben essere che le stesse razze delle mosche (io non affermo e non nego) alle volte facciano l’uova ed alle volte i vermi vivi, e che di lor natura farebbon forse sempre l’uova se ’l caldo maturativo della stagione non gliele facesse nascere in corpo, e per conseguenza elle partorissero poi i vermi vivi e semoventi, come mille volte effettivamente ho veduto.

S’ingannò altresì l’accuratissimo Giovanni Sperlingio avendo scritto nella Zoologia che que’ bachi delle mosche non son partoriti da esse mo-