Pagina:Ferrero - Diario di un privilegiato, Chiantore, 1946.djvu/124

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

leo ferrero

meno artistiche. Qui all’Ulivello non lo avevamo mai visto. Ieri sabato, eccolo apparire verso le due. Un sole terribile, nemmeno i contadini osavano mettersi per la strada a quell’ora.

Entra in studio da papà, comincia a piangere: non vénde più nulla, non trova lavoro, è perseguitato dai fascisti. Vuol spararsi o sparare al capo del governo. Papà lo calma. «Sparare? si dissuada, le cose non cambierebbero. Ammazzarsi? E’ giovane, ecc. ecc.». L’altro si quieta, cambia idea: invece di ammazzarsi andrà a Parigi, chiede a papà indirizzo e commendatizie per Turati, Treves e altri fuorusciti rifugiati a Parigi. Papà indirizzi non ne ha (il che è vero), non sa più niente di loro (il che è vero). Ma se anche li avesse, a che cosa possono servire, a un nuovo venuto, dei rifugiati che stentano a vivere per loro conto?

Il perseguitato dei balisti, nonché povero untorello provocatore, ritorna a Firenze nel camion della polizia!


104