Pagina:Fiaschi.djvu/148

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

TERZO 145

detto unguento caldo ungi due volte il dì, lavando sempre avanti col vino caldo, & così continua fin che sarà guarito, & non lasciar bagnare.

38 Alli vesigoni.

Taglia la pelle nel mezzo, e di sotto poi (salvo se il tumore mancasse) muovi con una brocca di legno l’humore che è tra la pelle, e spremi forte fuora, et taglia la pelle sotto il tumore, e metti un ferro caldo, et in capo di sette dì fa il medesimo.

39 Alli capelletti.

Radi i peli sopra il male, e togli radici di malvavisco ben cotta, e pista la scorza, poni sopra tre ò quattro volte, piglia semenza di senapi pista, e radice di malva ben minuzata, e polve di sterco bovino cotta, tutto miscia insieme con aceto, e poni sul male tre ò quattro volte il dì.

40 Al'angiò.

Fa un capitello il più forte, che poi, poi bagna molto bene stoppa, & desicala, rebagna nel capitello, & reponila sul male, & continua con questa cura tre ò quattro dì, ribagnando tre ò quattro volte il dì, & guarirà perfettamente.

41 Al cascapeli.

Taglia in longo nella estremità verso le natiche, infino al quarto nodo dell’osso, che è nella coda, e cavane fuora con uno ferro l’osso baruola, & gettalo via, poi poni sale per tutta la fissura, & con ferro caldo tocca il sale, fa come è detto per la coda.

42 Alla scabia.

Togli un poco di solfo d’incenso maschio di nitro di tartaro, scorze di frascio, vitriolo, verderame, eleboro bianco, negro meloteragno, & tutte queste cose mescola insieme con rossi d’ova allesse, oglio commune, & fa bollire, & ungelo.

43 Al mal del pedocchio.

Recipe more crude, & origo da cavalli, con radice di morari, & fa bollire, poi fa con detta acqua lavare, & se detto male fusse rotto, piglia sangue di drago, & succo di porri, sale, pece, oglio, & sungia vecchia di porco.

44 Alla costana.

Piglia qualche altra pellicula tanto longa quanto le rene; ma radi prima il pelo, & piglia bollarminio, galbano, armoniago, sangue di drago, & di cavallo fresco, & pece greca, mastici, oldano, & pista tutto insieme, & incorpora con chiara d’ovo, & farina di formento, & metti suso.

45 Al polmoncello.

Togli un serpe, tagliali la testa, e la coda, del resto fa pezzetti piccoli, & poneli nel spedo a rostire sopra le brase sin che il grasso comincia a liquefarsi, allhora ponilo su il polmoncello & non altrove.

46 Al mal del dosso.

Togli tre parte di letame, ò sterco di caprone, & una di farina di grano, ò segala, & sia il fiore, & mischiale bene insieme, & falle cuocere alquanto, poi ne poni tepido sopra il male, & è perfetto.

47 Al mal del corno.

Pista bene cauli salvatichi ò domestichi verdi, con la songia vecchia di por-