Pagina:Filippo.djvu/105

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Carlo.

                                                            Oh vista!

Filippo.

In lui non è de’traditor la schiatta
Tutta nò spenta: ma tu mira intanto,
Qual degna io serbi a’fidi tuoi mercede.

Carlo.

Ma quante, oimè! Quante quì deggio morti
Pria di morir veder?... Perez, tu pure?...
Ma già ti sieguo. Ove, dov’è quel ferro,
Che spetta a me? Via mi s’arrechi. Oh! possa
Mio sangue sol spegner l’ardente sete
Di questo Tigre!

Isabella.

                                   Oh! saziar sol’io
Potessi io sola l’inumana rabbia!

Filippo.

Infami, or basta. A scelta vostra i’lascio
Quel ferro, o quella tazza. O tu, di morte
Tu sprezzator scegli tu primo.