Pagina:Filippo.djvu/19

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Più che nol sà: voce Ei non ode in mio
Favor.

Perez.

Forz’è, che di natura Ei l’oda.

Carlo.

Chiuso a natura inaccessibil core
Di ferro è in lui. Le mie difese lascia 205
All’innocenza; al Ciel, che pur talvolta
Degnarla suol d’alcun benigno sguardo.
Se m’ami tu, meco in silenzio soffri.
Se reo mi fossi, intercessor te solo
Non sdegnerei. Qual d’amistà ti posso 210
Prova dar’io maggior?

Perez.

Del tuo destino,
E sia qual vuolsi, a me concedi parte;
Tanto i’ chieggo, e non più: qual mi resta altro
Illustre incarco in sì malvagia Corte?

Carlo.

Ma il mio destin, sai tu, che, sia qual vuolsi, 215
Esser non può felice mai?