Pagina:Filippo.djvu/24

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Quì tra momenti: tu m’udrai con Essa
Parlare a lungo: ogni più picciol moto
Nel di lei volto osserva, e nota intanto:
Affiggi in lei l’indagator tuo sguardo,
Quello, per cui nel più profondo core 20
Del tuo Signor spesso i voler più ascosi
Legger sapesti, ed eseguir tacendo.




SCENA SECONDA.

Filippo, Isabella, Gomez.


Isabella.

SIgnor, io vengo a’ cenni tuoi.

Filippo.

Regina,
Alta cagion fà, ch’io t’appelli.

Isabella.

E fia?

Filippo.

Tosto l’udrai. Da te sperar poss’io? ....25