Pagina:Filippo.djvu/44

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search




FILIPPO TRAGEDIA.


ATTO TERZO.


SCENA PRIMA.

Carlo, Isabella.




Carlo.

SCusa, deh! scusa l’ardir mio novello:
S’i’ t’inviai per la tua fida Elvira
Preghi d’udirmi in ora tarda, e strana,
Alta cagion mi vi sforzò.

Isabella.

Che vuoi? ....
Pace, s’io già non l’ho, perchè più tormi? ...5
Che non mi lasci a me? .... Perchè venn’io?

Carlo.

Breve i’ ti parlo, e poi ti lascio; ahi sorte!
Ti lascio, e torno all’usato mio pianto.
Odimi: or dianzi al Genitor tu ardisti