Pagina:Filippo.djvu/5

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
4 FILIPPO

Fuggir mi vede; e sà, che in bando è posta
15D’Ispana Reggia ogni letizia. _ In core
Chi legger puommi? Ah! nol sapess′io, come
Altri nol sà! Così ingannar potessi,
Sfuggir così me stessa come altrui!
Misera me! Sollievo a me non resta
20Altro che il pianto; ed il pianto è delitto ...
Ma riportare alle più interne Stanze
Vo’ il mio dolor; più libera... Che veggio?
Carlo? Ah! si sfugga: ogni mio detto, o sguardo
Tradir potriami: oimè! Sfuggasi.



SCENA SECONDA.

CARLO, ISABELLA




Carlo.

                                        OH vista!
25Regina, e che? Tu pure a me t’involi?
Te pur tuo aspetto a me infelice togli?