Pagina:Filippo.djvu/51

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Caduto stil: lungi nell’ombra incerta 100
Veggio in rapida fuga andarne il Figlio. -
Tutto narrai. Di voi se v’ha chi ’l possa
D’altro fallo accusar; se v’ha chi ’l possa
Anco di questo discolpar, favelli
Arditamente libero: v’inspiri 105
A tanto il Ciel. Terribil’opra è questa;
Ben vi pensate, o Giudici: da Voi
Del Figlio aspetto, e in un di me sentenza.

Gomez.

Che ne domandi, o Rè? Tradir Filippo,
Tradir noi stessi, e il potrem noi? Ma in core 110
Di Padre immerger potrem noi l’acciaro?
Deh! non ci sforza al duro passo.

Leonardo.

Giorno
Può sorger forse, o Rè, che udito, troppo
T’incresca il vero: e noi, che a te il dicemmo,
Farne tu vogli ripentir.

Perez.

Ma nocque 115