Pagina:Filippo.djvu/8

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ATTO PRIMO. 7

Qual havvi affetto, che pareggi, o vinca
Quel dolce fremer di pietà, ch’è noto 55
A ogni alto cor? Che a vendicar gli oltraggj
Val di fortuna; e più nomar non lascia
Infelici Color, che al comun duolo
Porgon sollievo di comune pianto.

Isabella.

Che parli tu? Pietade io sì ... ma ... oh Cielo! ..60
Certo Madrigna i’ non ti son: se osassi
A Padre irato del Figliuol non reo
Parlar, vedresti ...

Carlo.

E chi tant’osa? E s’anco
L’osassi tu, mai nol dei fare. Oh dura
Necessità! ... D’ogni sventura mia 65
Cagion se’ tu, benchè innocente, sola:
Eppur tu nulla a mio favor ...

Isabella.

Cagione
Io di tue angosce?Io?