Pagina:Gabburri, Vite di pittori, ms. Palatino E.B.9.5, I-IV, ca.1730 - 1742.djvu/146

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


III, della parte I, del secolo V, a 197. Ma Jacob Campo Weyerman, nella parte I, dice che nacque in Amsterdam l'anno 1599 e morì nel 1651.

Adriano Frisio scultore, nato all'Aia, fu accademico del disegno nell'Accademia fiorentina, e servì l'imperatore Ridolfo secondo. Sandrart, a 340.

Adriano Neuland di Anversa, stabilì casa in Amsterdam, e dipinse storie della Bibbia e simili materie. Sandrart, a 305. Adriano Van-Niezulant, scrive il Baldinucci, decennale IV, della parte I, del secolo V, a 375, dicendo che apprese l'arte della pittura, prima da Pietro Jsacx, poi da Francesco Badens, e riuscì valente in figure piccole e paesi, e condusse molte storie del Testamento Vecchio. Stette gran tempo in Amsterdam, ove viveva l'anno 1661, in età di 59 anni. Fece il suo ritratto Cornelio Janssens, che fu poi intagliato da C. Waumans.

Adriano Palladino da Cortona, scolare di Pietro Berrettini da Cortona; seguitò la maniera del suo maestro, e morì settuagenario nel 1680.

Agostino Brun di Colonia Agrippina, fiorì con lode singolare nel dipignere storie e ritratti. Sandrart, a 303.

Agostino Busti, detto Agosto Bambaia e, più comunemente, chiamato il Bambaia, scultore milanese molto stimato dal Lomazzo e dal Vasari. Nel secondo claustro di San Francesco in Milano si vede il maraviglioso mausoleo da lui scolpito l'anno 1522 per la famiglia Biraga. Questo valentuomo nelle figure grandi e piccole mostrò tale tenerezza e delicatezza che non si posson vedere cose finite con maggior gusto. Torre, a 124, 129,