Pagina:Gemma Giovannini - Le donne di casa Savoia.djvu/165

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

bianca di monferrato 129

Reggente aveva stabilito in Torino un laboratorio per la seta, ed aveva fatto venire dalla Grecia una donna che insegnasse la filatura, e da Barcellona un tintore.

Tra i suoi svaghi eravi pure la cura di animali domestici, specie cani; ed occupavasi di confetture e sciroppi, che poi regalava a parenti e ad amici. Né venne meno al costume dell’epoca, che voleva esempi materiali di pietà e di religione, e fondò due conventi, sacri a S. Agostino, uno a Cavour, l’altro a Barges, ed arricchì straordinariamente quello di Carignano.

Così arrivò il 1519, e il 31 marzo di quell’anno, la bell’anima che aveva presentito la partenza, e tutto aveva disposto con ordine, placida s’innalzava a Dio.

La Duchessa Bianca è sepolta appunto nel convento di Carignano e sulla sua tomba Pingon fece così il di lei elogio:

«Bianca di Monferrato fu uno specchio di castità e di prudenza».


     Le Donne di Casa Savoia.      9