Pagina:Gemma Giovannini - Le donne di casa Savoia.djvu/216

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
174 le donne di casa savoia

Ora anche Ginevra gli si preparava chetamente alla ribellione, fomentata la Svizzera dalla nuova setta religiosa che andava dilagando. Beatrice fu la prima ad accorgersene e ad avvertirlo, mentre egli era là sperando di ricondurre la fuorviata città a più miti consigli.

Nondimeno, conchiusa la pace di Cambrai, sperarono i Duchi che il Piemonte sarebbe liberato dagli stranieri, e già anticipatamente la Duchessa faceva al marito l'enumerazione dei vantaggi che ad essi avrebbe portato quella riconciliazione, quando si accorsero essere il loro un vano calcolo, poiché le truppe spagnuole e francesi ridiscendevano indisciplinate a tutto loro agio nel Ducato, e continuavano la rapina.

L'ardita e vivace Beatrice, stava già per implorare l'appoggio di suo fratello, il Re di Portogallo, quando sorse in lei la speranza di potere ottenere altrimenti un compenso pei mali sofferti. E ciò fu in occasione della incoronazione di Carlo V, che doveva aver luogo a Bologna il 2 febbraio 1530, per mano del Papa Clemente VII. Convenivano a tal cerimonia tutti i principi italiani, e Carlo III, pur deciso di andare, non cambiò la sua fatale politica, e ne avvisò prima la Corte di Francia. Beatrice vi andò per suo conto, e mentre Carlo chiedeva il frivolo e fallace regno di Cipro, essa chiese meglio, e cosa più sostanziale, giacché Cipro venne concessa, ma era e rimase in mano ai Veneziani, che non si diedero per intesi di tal concessione. Essa invece, che aveva bravato lo sdegno di