Pagina:Gemma Giovannini - Le donne di casa Savoia.djvu/229

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

margherita di valois 185

pitano delle sue guardie, il più abile tiratore di lancia della Corte.

— Rompiamo anche queste — egli disse — in onore delle dame.

Per un presentimento di disgrazia che doveva acadergli, il capitano si scusò due volte ; e la Regina e le principesse pregarono Enrico di contentarsi della gloria acquistata.

Ma il Re non volle ascoltare nessun consiglio, e fu deciso lo scontro. L'urto dei due combattenti fu terribile : la visiera del Re si mosse, e una scheggia delle lancie che eransi rotte nel cozzare, andò a colpirlo in fronte, un poco al di sopra dell'occhio destro. Trasportato semivivo a palazzo, cessò subito ogni gioia ed ogni festa, e poiché la sua vita era in pericolo, si temè perfino che la pace allora allora conclusa, non fosse duratura, se egli venisse a mancare.

Enrico, compreso di essere in pericolo, pensò invece ad assicurarla, quella pace, ed affrettò il matrimonio della sorella col Duca di Savoia.

E questo fu celebrato il 10 di luglio, undici giorni dopo la disgrazia avvenuta, nella camera stessa del Re, funzionante il Cardinale di Lorena. Enrico stesso servì da testimonio, e spirò poche ore dopo.

Questa morte, seguita in Francia da torbidi seri, prometteva all'Italia un lungo riposo ; ed Emanuele Filiberto ne profittò per fare un viaggio in Fiandra, congedarsi dal cugino Filippo II. Indi precedè la Duchessa nei suoi Stati, onde prepararle a Nizza, scelta