Pagina:Gemma Giovannini - Le donne di casa Savoia.djvu/232

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
188 le donne di casa savoia

di Francia Carlo IX, il Papa Pio V, il Doge di Venezia Girolamo Priuli, Giovanni La Valletta Gran Maestro dell'Ordine di Malta, e fece la gioia dei piemontesi, l'orgoglio della famiglia.

Dopo questo avvenimento, Emanuele Filiberto ottenne dalla Francia uno scambio delle piazze da essa occupate, e così Torino fu libera, ed egli, la Duchessa e il principino, vi fecero l'anno seguente il loro ingresso, che riuscì addirittura solenne.

Da quel momento Margherita visse quasi sempre nella sua capitale. Ivi essa medesima incominciò l'educazione del figlio, unica speranza sua e della patria ; e vedendolo di debole complessione e gracilissimo, ne aveva infinite cure e qualcuna anche pregiudizievole. Il fanciullo, di cui fu governatrice Barbara d'Annebault, gentildonna pinerolese, imparava a meraviglia le infinite cose che gli insegnavano le prime celebrità dell'epoca, residenti in Piemonte, e che erano incaricate di formarlo alle scienze e alle lettere. A dodici anni l'istruzione completa, la grazia, la vivacità dello spirito, gli valsero i più grandi elogi di suo cugino Enrico III, che lo conobbe al suo passaggio da Torino, e una gran prova di confidenza dal padre, che, dovendo andare a Nizza per qualche tempo, rimesse a lui il governo dello stato.

Margherita era sì felice e sì soddisfatta di questo suo unico rampollo, che teneva una Corte espressamente per lui, spendendo in essa quanto le avanzava dal mantenimento della sua casa e dalle copiose elemosine.