Pagina:Gemma Giovannini - Le donne di casa Savoia.djvu/397

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

giuseppina teresa di lorena armagnac 333

Sempre dedita ai suoi studi, sempre buona, dolce, rassegnata, recandosi in un giorno del novembre 1796 a visitare a Superga le tombe dei Carignano, mentre stava nel sotterraneo, un raggio di sole, dagli spiragli delle feritoie, venne ad illuminarle il volto. A quel bacio del grande astro la sua anima di poeta si sentì commossa, sorrise, e voltasi all’abate Avogadro, direttore della basilica, disse: «Notate il punto ove ora sono; quando morirò voglio essere sotterrata qui: amo tanto il sole!» E lì precisamente ella venne a posare, tre mesi appena da quel giorno, poiché essa morì il 9 febbraio 1797, in età di soli quarantaquattro anni.

Ed anche nel suo testamento, scritto in francese, lingua che ancora usavasi molto alla Corte, e che per lei era la sua materna, Giuseppina pensava alla sua tomba, e la designava: «Siccome sembra che sarà a Torino ch’io morirò, desidero essere deposta nella tomba accanto a mio marito, avendo la morte soltanto potuto turbare la dolcezza della nostra unione.»

In questo documento stesso, dopo aver raccomandato la sua anima a Dio, dice: «E subito dopo gli raccomando mio figlio. Per lui saranno gli ultimi e più dolci voti del mio cuore. Possano essi essere esauditi; possa mio figlio godere tutta la fortuna che gli auguro e che gli avrei potuto procurare; e possa egli, come lo spero, rendersene sempre degno con la sua condotta, e conservare per sua madre un dolce e tenero ricordo, e possa trovare presto in una donna quale io gliela auguro, tutto ciò che possa farlo felice.»