Pagina:Giosuè Matteini - Istoria dell'astronomia e sistema planetario di Copernico, 1785.djvu/10

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

)( 10 )(

Ma in petto ancora un bel desìo ti ardea
D’ergerti alfin su vigorose piume
Oltre la bassa terra, ed agli erranti
140Astri levarti, e spaziar pel Cielo;
E ben per lungo variar d’etadi
Ti pascesti di speme; allor che surse
Quei, che indurar poteo repente i cieli
In solido cristallo, e i tuoi sperati
145Voli tra sfere, ed Epicicli involse.
Fra la speme, e il timore incerta erravi
Pur non oppressa ancora, ancor augusta
Diva ricinta di serena luce;
Allor che il fier barbarico torrente
150Precipitò dagl’Iperborei monti,
E Italia, e Grecia ruinoso corse.
Innanzi alla Vandalica, alla Gota
Rabbia, che strinse la scomposta chioma
Della tremante maestà Latina
155Pallide tacquer le scienze, e l’arti,
E tu con esse, ahi misera! giacesti
Oppressa al suolo, e tue gravi sentenze
Un tenebroso turbine rapìo.
Stupido sul quadrante, e sul compasso
160Il Barbaro arrestossi, ed i fanciulli
Fer de’ lor giochi, e de’ lor scherzi obbietto
Le arcane geometriche figure.
Dal Goto caos alfine emersa alzasti
Fra gli Arabi la fronte, e in voce allora
165Barbarica stridesti. In riva al Reno
Te poi trasse la regia aura seconda
Dei Federighi. Il biondo Tago, e l’Arno