Pagina:Giulia Turco Turcati Lazzari - Il piccolo focolare, 1921.djvu/63

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

- 53 -

d’altronde in commercio arnesi appositi per riconoscere la freschezza delle ova. Prima di adoperarle, qualunque sia l’uso che vogliate farne, abbiate cura di lavarle diligentemente, e se l'acqua non bastasse, servitevi d’un po’ di sale.

2. Uova a bere. — In genere usa cuocere le ova a bere immergendole nell’acqua bollente e mantenendo questa a discreto bollore. Le piccole ova sono pronte in tre minuti, le grosse in m. 3½ ma con questo sistema il guscio qualche volta si rompe e il contenuto riesce poco appetitoso. Potete anche immergere le ova nell’acqua bollente e poi ritirarle sull’angolo del fornello, lasciandole cinque m. nella padella scoperta. Oppure, mettetele al fuoco nell’acqua tepida (ne calcolerete sempre un bicchiere per ogni uovo), e quand’essa comincia a bollire contate, piuttosto in fretta, dall’uno al cento e le ova saranno pronte.

Le uova freschissime sono più lente a cuocersi delle meno fresche; dovete tener conto di questa particolarità e anche della loro grandezza.

3. Uova bazzotte. — Le uova diverranno bazzotte se le cuocerete come le precedenti soltanto un po’ più a lungo. Se le metterete al fuoco nell’acqua bollente vi occorreranno 5-6 m, di bollitura, nell’acqua tiepida m. 3-3½: se le lascerete sull’angolo del fornello m. 7-8.

Si servono come le ova a bere e qualche volta come le ova sode sgusciandole con gran cura.


La prima scodella piace a tutti.


4. Uova al burro. — Sciogliete, per ogni uovo, un pezzo di burro come una grossa noce; quando frigge, ma non tanto da prendere colore, scocciatevi le ova badando che il rosso non esca dalla sua pellicina, spargetevi sopra un pizzico di sale e, quando l’albume si è alquanto assodato, servitele bollenti.

Uova al burro nero. — Come sopra, soltanto prima di rompere le uova, farete friggere il burro finchè annerisce.

Uova al burro con prezzemolo. — Fate friggere a parte con un po’ di burro un cucchiaio di prezzemolo trito, bagnatelo con qualche goccia di aceto e versatelo sulle uova preparate come indica la prima ricetta.