Pagina:Giulia Turco Turcati Lazzari - Il piccolo focolare, 1921.djvu/65

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

- 55 -

gnatelo un pochino nel latte, mettetelo nel tegamino insieme alle uova e procedete come sopra.

9. Uova assodate o sode. — Queste uova le farete bollire 8-10 m. secondo la grossezza e l’età. Le più fresche sono le più lente a cuocere. Prima di servirle mettetele nell’acqua fredda a ciò il guscio si possa levare con facilità.

10. Ova sode ripiene. — Cuocete alcune ova sode, dimezzatele per il lungo e levatene fuori il tuorlo. Prendete la metà dei tuorli, una metà del peso degli stessi di burro fresco e una metà di tonno sott’olio, pestate il composto nel mortaio, unitevi a goccia a goccia un po’ di sugo di limone, e mettetelo in forma di pallottole nel bianco delle ova. Coi tuorli rimanenti fate una salsa (vedi Cap. 5 N.° 20) e servitevene per guernire questo piatto di lusso.


Pasqua tanto desiata in un giorno è passata.


11. Le uova di Pasqua. — Non vi può essere pranzo di Pasqua al quale non facciano la loro comparsa le uova sode. Vi sono molti mezzi noti per colorire piacevolmente le uova. Le buccie di cipolla, i fiori dell’Anemone pulsatilla, le viole del pensiero più scure, le foglie dell’Indigifera tinctoria (pianta dell’indaco) servono per marmorizzarle con colori svariati, mentre certe stoffe di seta e di cotone verdi, rosse, azzurre, certe carte porporine si adoperano per foderarle quando sono guernite con delicate fogliuzze di prezzemolo e di felce, o con figurine intagliate, che risultano poi in bianco sullo sfondo variopinto.

Le uova così preparate s’involgono in pezzetti di tela e si contornano di filo onde tutta la guernizione resti aderente, poi si fanno bollire.

Il campeggio bollito insieme alle uova da loro un colore carminio; a questo legno molti sostituiscono i colori d’anilina, ma essi sono sempre un po’ pericolosi. Se le uova sono tinte con un colore solo, potete scrivervi dei motti o degli scherzi coll’acqua forte.

Per dare il lucido alle uova di Pasqua le strofinerete con un pannolino intinto nell’olio di mandorle.

Vi sono in commercio dei preparati per conservare fresche le nova nella stagione invernale, fra questi il Garantol. Le uova si tengono in vasi di vetro puliti e chiusi in luoghi dove non gela, come indica la relativa istruzione.