Pagina:Giuochi ginnastici raccolti e descritti per le scuole e il popolo.djvu/13

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search







PREFAZIONE



Fino dall’anno 1855, il prof. Girolamo Boccardo, nell’opera “Feste, giuochi e spettacoli1 consigliava di rimettere nel dovuto onore i giuochi e gli esercizi ginnastici; e nel 1874 a Bologna, in un congresso ginnastico, accoltasi la proposta del cav. Sebastiano Fenzi, fu deliberato “d’instituire un premio d’una medaglia d’oro del valore di lire trecento per il miglior libro inteso a far rivivere i giuochi nazionali”: ma nè la parola autorevole del prof. Boccardo nè le buone intenzioni di quel congresso ottennero lo scopo desiderato. Solo da poco tempo in Italia e fuori s’è capita veramente l’importanza e l’utilità dei giuochi, e attualmente essi costituiscono la parte


  1. Con quest’opera, il senatore Boccardo vinse il premio nel concorso bandito in quell’anno dall’Istituto lombardo di scienze e lettere.