Pagina:Giuochi ginnastici raccolti e descritti per le scuole e il popolo.djvu/78

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
54 Parte seconda.

porta, esce dal campo attraverso i confini estremi per l’azione degli assalitori, viene rimessa in giuoco dalla linea NO o PQ perpendicolarmente al punto dove uscì, con un incrociamento di bastoni come al principio del giuoco.

b) Se esce dal campo per colpa del partito minacciato, tutto questo partito deve ritirarsi di dietro alla linea di fondo; e uno degli assalitori, posata la palla a un metro di distanza dall’angolo del campo più vicino, la rimette in giuoco con un colpo di bastone.

c) Mentre uno rimette la palla in giuoco in questo modo, gli altri del suo partito non possono stare dentro l’arco della porta (II, 1).

6. Punizioni.

a) In caso d’infrazione alle regole IV,2,3, il partito avversario acquista il diritto d’un colpo di vantaggio dal punto dove fu commessa la mancanza, se questo punto è fuori dell’arco della porta.

b) Durante il colpo di vantaggio il partito punitore può stare al pari della palla, ma non più avanti, e gli avversari le devono rimanere distanti almeno m. 5,50.

c) Se l’infrazione accennata (a) viene commessa dentro l’arco della porta dal partito minacciato, gli avversari possono reclamare un incrociamento nel punto dove fu commessa la trasgressione.

d) Il partito trasgressore non può mai reclamare le pene stabilite in a e c.