Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/570

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
560 ATTO SECONDO

Pasqualino. Oh che gusto! Oh che spasso! Oh che bel divertimento! Magnar ben, bever megio, e aver arente de sta sorte de tochi, bisogna star aliegri per forza. (accenna le due femmine)

Arlecchino. Ma! Gran mi! Mi son quello che trova fora de sta sorte de roba.

Lelio. Evviva Arlecchino. Beviamo alla sua salute. Evviva Arlecchino, (bevono tutti)

Pasqualino. E viva Arlechin.

Tutti. E viva, e viva.

Sbrodegona. Che bel anelo, che gh’ha sior Pasqualin.

Pasqualino. Ve piaselo, Sbrodegona? Sè parona.

Sbrodegona. Magari ch’el me lo donasse.

Pasqualino. Tiolè, cara, ve lo dono volentiera. (le dà un anello)

Sbrodegona. Grazie.

Malacarne. E a mi, sior Lelio, me donela gnente!

Lelio. Volete bere? Ecco un bicchier di vino.

Malacarne. Vardè! Sbrodegona ha abuo un anelo, e mi gnente.

Lelio. Un anello poi lo vorrei impiegar un poco meglio.

Pasqualino. Tiolè via, tasè, tiolè sta scatola. (dona una tabacchiera a Malacarne)

Malacarne. Grazie, sior Pasqualin. A lu ghe n’indormo1. (a Lelio)

Lelio. Ed io v’ho in tasca.

Sbrodegona. Caspita! La scatola che ha abuo Malacarne, val più de l’anelo.

Malacarne. Ti te voressi meter co mi?

Sbrodegona. Chi estu ti?

Malacarne. E ti chi estu?

Sbrodegona. No ti xe degna de zolarme2 le scarpe.

Malacarne. Povera sporca, no ti me cognossi.

Sbrodegona. A mi sporca?

Malacarne. A ti, sì ben, a ti.

Sbrodegona. Vustu zogar che te tiro un piato in tel. muso.

Malacarne. Te sfriso co sto goto, vara.

  1. Non ne so grado. Boerio.
  2. Allacciarmi.