Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/575

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LA BUONA MOGLIE 565

Pasqualino. Sior sì, v’ascolterò. (con voce sommessa e tremante)

Pantalone. Mette zo quel tabaro.

Pasqualino. Ve cognosso che me volè dar. (come sopra)

Pantalone. No, Pasqualin, te lo zuro da pare che te son, no te dago e gnanca no te crio. Me basta che ti m’ascolti, e no voggio altro.

Pasqualino. Son qua, ve ascolto e no me movo.

Pantalone. Dame una cariega1.

Pasqualino. Subito. (Tremo da cao a pie). (da se, e gli porta una sedia)

Pantalone. Vustu sentarte anca ti?

Pasqualino. Mi no son straco.

Pantalone. Via, caro fio, vien qua, sentete anca ti arente de to pare. Za no ghe xe nissun, e al camerier m’ha promesso che, fin che ghe son mi, no vegnirà altri. Sèntete, fame sto servizio.

Pasqualino. Per obedirve me senterò. (No so in che mondo che sia). (da sè, prende una sedia e siede anch’esso)

Pantalone. (E1 scomenza a chiapar fià; spero un poco la volta de tornarlo a drezar). (da sè) Dime, Pasqualin, sastu adesso dove che semo?

Pasqualino. Credeme, sior pare (tremante)

Pantalone. Respóndeme a quel che te domando. Sastu dove che semo?

Pasqualino. A l’ostaria.

Pantalone. Cossa distu, che bel devertimento che xe l’ostaria! Te par ch’el sia un liogo proprio e civil per un putto, che xe nato ben? Per un fio d’un marcante onorato e de credito? Te par che l’ostaria sia a proposito per un omo maridà, per un pare de fioi, per un zovene de boni costumi, che gh’ha giudizio e che gh’ha fin de reputazion? Varda, caro el mio Pasqualin, varda chi pratica l’ostaria, varda con chi ti perdi el to tempo, con chi ti prostituisci la to estimazion, el to onor, quello de la to casa e quello de to povero pare? Lelio, fio d’un

  1. Sedia.