Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/576

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
566 ATTO SECONDO


barcariol; Arlechin sportariol1, imbriagazzo e mezzan; do baroni de piazza, che sarà forsi do spioni, do bari da carte, o do sicari. Do donne avanzae da l’ospeal o dal lazzaretto, e ti tutto aliegro e contento ti godi, ti ridi, ti te deverti in mezzo a sta sorte de zente? Senza pensar a una muggier zovene, bella, onorata, e che te vol tanto ben? Senza refletter a to pare, che xe in istato de fenir co desperazion i so zorni per causa toa? Senza arecordarte del to sangue, de quella povera creatura innocente, che per mancanza de alimento se nutrisse co le lagreme de so mare? Ah Pasqualin, ah fio mio, se no ti ghe pensi de mi, se la muggier no la te tocca el cuor, almanco quel povero putelo te mova a compassion; ma più de tutto ancora pensa a a ti medemo, varda in che stato che ti te trovi, pensa a quel che ti pol deventar. Varda, caro fio, fin che ti xe sta bon, el Cielo t’ha volesto ben, per i to boni costumi el s’ha mosso a pietà de ti, e l’ha fatto che se scoverza to pare per meggiorar la to condizion. Xela questa la recompensa a le grazie del Cielo? Cussi ti te servi de quella fortuna ch’el Ciel t’ha dà? Varda, Pasqualin, che l’ingratitudine xe el vizio più detestabile de la umanità. Remedieghe fin che gh è tempo, lassa le male pratiche, butta da banda i vizi, torna quel che ti gieri con mi, e mi sarò quel che giera con ti; promettime de scambiar vita, d’esser bon, de voler ben a la to cara muggier, e mi son qua, te esebisso la mia casa, el mio scrigno, el mio sangue, se ti lo vol.

Pasqualino. Ah, sior pare, no posso più. (si getta a’ suoi piedi piangendo)

Pantalone. Via, fio mio, no pianzer. Fate anemo, fate coraggio. Quel che xe sta, xe sta. No ghe ne parleremo mai più.

Pasqualino. Ve domando perdon... (come sopra)

Pantalone. A mi no vol che ti domandi perdon, perchè t’ho perdonà. Domanda perdon al Cielo, e fa cognosser eh el to pentimento xe vero col scambiar vita.

  1. Che serve di portare le sporte a prezzo vilissimo di tutti i servigi. [nota originale]