Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/577

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LA BUONA MOGLIE 567

Pasqualino. Vedere quel che farò... (come sopra)

Pantalone. Via, levete suso; no me far intenerir d’avantazo.

Pasqualino. Lassè che ve basa la man. (gli bada la mano, e s’alza)

Pantalone. Sì, caro, tiò. Xe sta grando el contento che ho abuo za do anni, acquistandote per mio fio; ma xe ben più grando el contento che provo ancuo, tornandole a recuperar dopo che t’aveva perso.

Pasqualino. Mia mugier cossa dirala co la me vederà?

Pantalone. La te trarà i brazzi al collo: la pianzerà da la consolazion.

Pasqualino. A Rialto cossa diseli de mi? Me vergogno a lassante veder.

Pantalone. Gnente, fio mio, ti vegnirà con mi, e tutti te vederà volontiera.

Pasqualino. I mile ducati i xe deboto andai.

Pantalone. N’importa gnente. Son qua mi; son to pare; ti vederà quel che farò per ti.

Pasqualino. Oh, sior pare, no me credeva mai che me volessi tanto ben!

Pantalone. Senti, Pasqualin, te voggio ben, e ti lo vedi da la maniera che adesso te tratto. No creder però miga che sia un pare de stucco, che no sappia come se fa a castigar i fioi. Sta volta t’ho perdonà, ma no te assicurar che in t’un caso simile tornasse a perdonarle; anzi in tel tempo stesso che ti ricevi el mio perdon, trema de la mia collera, e dì: Se mio pare xe sta tanto bon a perdonarme sta volta, el sarà tanto più fiero a castigarme, se mai più fallerò.

Pasqualino. No, certo, mai più, sior pare...

Pantalone. Basta cussi. Andemo.

Pasqualino. Andemo da mia mugier. No vedo l’ora de dar un baso al mio caro fio.

Pantalone. Ah Giove, deme grazia ch’el diga la verità!