Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/578

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
568 ATTO SECONDO

SCENA VI.
Cameriere dell’osteria e detti.

Cameriere. Signore, prima di partire, mi favorisca di pagare il conto. (a Pasqualino)

Pantalone. A vu tocca pagar? (a Pasqualino)

Pasqualino. Sior sì, ho dito che pagherò mi.

Pantalone. Vedeu! Cussi se usa da sta sorte de zente. Se magna, se beve, se gode la macchina, e el gonzo1 paga. (a Pasqualino) Lasse veder a mi quel conto. (al cameriere)

Cameriere. Prenda pure (gli dà la lista del conto)

Pantalone. Che diavolo! Trentacinque lire?

Cameriere. Hanno bevuto due secchi di vino di Vicenza.

Pantalone. Ma questo xe un conto troppo alterà. Savè che ave da far con un grezzo2 e ve prevale de l’occasion? Con vinti lire el conto xe paga.

Cameriere. Io non e’entro. Parli col padrone.

Pantalone. Sì ben, anderò mi al banco a parlar con elo. Pasqualin, aspetteme qua che vegno. Vardè cossa che me tocca far in tempo de mia vecchiezza! Su per le osterie a far i conti co l’osto. Gramarzè al mio sior fio. Sarala fenia? (a Pasqualino)

Pasqualino. Oh fenia, ve lo zuro.

Pantalone. Prego el Cielo, che la sia cussì. (parte col cameriere)

SCENA VII.
Pasqualino solo.

Che confusion! Che vergogna! Con mio pare la xe giustada, come anderala co mia mugier? Ma via, anca co la mugier la se giusterà, ma cossa dirà el mondo de mi? I mii amici, i mii camerada cossa dirali? Come! Me lasserò vencer dai respeti umani, e me farà più paura le parole dei vagabondi de quel che sia la colera de mio padre e le lagreme de mia mugier? No, ho

  1. Il semplice, l’uomo grosso [nota originale]
  2. Che sa poco le cose del mondo. [nota originale]