Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/585

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LA BUONA MOGLIE 575

Catte. No gh’è remedio, no la vol.

Ottavio. Le avete detto ch’io sarò generoso?

Catte. Caspita se ghe l’ho dito! Anzi, co m’ho sbregà el zendà, la m’ha dito: tiò su, che ti ha avanzà questo a vegnir a parlarme per quel lustnssimo; e mi gh’ho dito, cossa credistu? Se ho sbregao el zendà per causa soa, el me ne pagherà un niovo.

Ottavio. Sì, tutto va bene, ma non vi è bastato l’animo di ridurla.

Catte. Cossa vorla che ghe diga? La sorte va drio a chi no la merita. Se m’avesse tocà a mi sta fortuna, no me l’averave miga lassada scampar.

Ottavio. Voi almeno siete una donna di buon gusto.

Catte. La senta, mi son una dona da ben e onorata, che nissun poi dir gnente de mi; ma certi stomeghezzi1 no i me piase. Un cavalier vol far un finezza, la se acceta. Se pol voler ben senza far mal. Mi almanco la intendo cussì.

Ottavio. Voi la intendete assai bene. Volete che ve la dica, che mi piacete più di Bettina?

Catte. Oh, mi no son bela, come la xe ela: e sì, no fazzo per dir, ma co giera puta gh’aveva tanti morosi quanti cavei che gh’ho in testa.

Ottavio. Avete un certo brio vivo e disinvolto, che mi va a genio. Vostra sorella è bella, ma è una bellezza troppo malinconica; e poi è troppo giovine. Voi siete una donna di giudizio.

Catte. Oh, cossa credelo che ghe sia de diferenza de ani da eia a mi? Gnanca uno.

Ottavio. Eppure voi mostrate di più.

Catte. Xe i patimenti che se fa. Se la savesse! Quel malignazo de mio mario, quante ch’el me ne fa passar! Gnanca ancuo el m’ha porta da disnar. Gh’ho una fame che no ghe vedo.

Ottavio. Volete che vi faccia portar qualche cosa?

Catte. Oh magari!

Ottavio. Brighella.

  1. Ruvidezze da schizzinose. [nota originale]