Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/219

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

L'UOMO DI MONDO 165


SCENA IV.

Ludro, poi Truffaldino ed il Gondoliere.

Ludro. Mi no darave sto incontro per un ducato al zorno. E poi esser che la me butta de più. Dise el proverbio: chi no se agiuta, se nega, e chi vol sticcarla (a)1 come mi, e far poca fadiga, bisogna prevalerse delle occasion.

Truffaldino. Son qua, pagheme.

Gondoliere. Son qua anca mi. El m’ha dito quel sior, che me pagherà vu.

Ludro. Sì ben; cossa aveu d’aver?

Gondoliere. Da Cannaregio2 in qua me porlo dar manco de un per de lire?

Ludro. Tolè un da trenta, e andè a bon viazo.

Gondoliere. E per portar el baul, no me dè gnente?

Ludro. Eh via, vergogneve. Un galantomo della vostra sorte no se fa pagar per far el facchin. Lassè far a mi, se sto sior vorrà barca, farò che el se serva de vu3. Cossa ve diseli?

Gondoliere. De soranome i me dise Giazzao; stago al traghetto de Riva de Biasio.

Ludro. Farò capital de vu.

Gondoliere. Via, da bravo; una man lava l’altra. Se me farè far dei noli, anca mi, co vorè, ve vogherò de bando. (torna nella sua gondola, e con essa parte)

SCENA V.

Ludro e Truffaldino.

Ludro. Tolè, sier facchin, diese soldi. Ve basteli?

Truffaldino. A mi diese soldi? Diese soldi a un omo della mia sorte?

Ludro. Cossa voleu, che ve daga?

Truffaldino. Almanco, almanco una lirazza voggio (b)4.

  1. (a) Passarsela bene
  2. Zatta: Canareggio.
  3. Zatta: da vu.
  4. (b) Una lira e mezza de moneta corrente.