Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/361

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

IL PRODIGO 307


Trappola. Circa alla cena, come vuol che si faccia?

Momolo. Fè vu; mi no voggio de ventar matto; fè vu.

Trappola. Ma se dice che tutti sono ingrugnati, avrà poco gusto alla festa e alla cena.

Momolo. Anzi co sto poco de devertimento ho speranza de desmissiarli, Siora Clarice, vedendo che fazzo de tutto per devertirla, la butterà più cortese. Dei altri no ghe penso, me basta de vederla ela aliegra1 e contenta. Vardè un poco dalla so zente de recavar cossa che più ghe piase, e procure de trovar tutto a peso d’oro, se occorre.

Trappola. I danari del grano finiranno presto.

Momolo. No me parlè de malinconie, che son malinconico tanto che basta. Stassera aspetto el Dottor Desmentega colla bona nova2, e se credesse che me andasse tutti i campi, che spero de recuperar, vaga tutto per acquistar la grazia de siora Clarice.

Trappola. Non occorr’altro; ho inteso. (Vada pur tutto, purchè vi sia sempre una porzione per me). (parte)

SCENA II.

Momolo solo.

Mi no so che razza de donna sia sta siora Clarice. Ghe n’ho pratica tante altre, e ho sempre visto che coi regali le se obbliga, le se innamora, e le se placa co le xe in collera. Questa la xe tutta al contrario; i regali la fa instizzar. O che i ghe par troppo piccoli, o che la xe differente dalle altre. Me proverò coi devertimenti. Me servirò del mezo de mia sorella. Ma anca ela la me par in collera. So mario gh’ha parla in secreto, e tutti do i s’ha unito contra de mi. No so cossa dir; son proprio desfortunà; e pur xe vero, ho tanto speso, ho tanto donà, ho fatto del ben a tanti a sto mondo, e no posso dir d’aver un amigo de cuor.

  1. Così Zatta; Paperini: aliegra.
  2. Zatta: niova.