Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/668

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
610 ATTO TERZO

Florindo. Orsù, narraci un poco, come andò la faccenda del cambio del ritratto e del libro, e perchè tanto tu che quell’altro briccone vi uniste a farci disperare.

Truffaldino. (fa cenno col dito a tutti due che stiano cheti) Zitto. (a tutti due) La favorissa, una parola in disparte. (a Florindo, allontanandolo da Beatrice) (Adessadesso ghe racconterò tutto), (a Beatrice, nell’atto che si scosta per parlare a Florindo) (La sappia, signor, (parla a Florindo) che mi de tutt sto negozi no ghe n’ho colpa, ma chi è sta causa l’è sta Pasqual, servitor de quella signora, eh è là. (accennando cautamente Beatrice) Lu l’è stà quello che ha confuso la roba, e quel che andava in t’un baul el l’ha mess in quell’alter, senza che mi me ne accorza. El poveromo s’ha raccomanda a mi che lo tegna coverto, acciò che el so padron non lo cazza via, e mi che son de bon cor, che per i amici me faria sbudellar, ho trovà tutte quelle belle invenzion per veder d’accomodarla. No me saria mo mai stimà, che quel ritratt fosse voster e che tant v’avess da despiaser che fusse morto quel che l’aveva. Eccove contà l’istoria come che l’è, da quell’omo sincero, da quel servitor fedel che ve son).

Beatrice. (Gran discorso lungo gli fa colui. Son curiosa di saperne il mistero).

Florindo. (Dunque colui che ti fece pigliar alla Posta la nota lettera, era servitore della signora Beatrice?) (piano a Truffaldino)

Truffaldino. (Sior sì, el giera Pasqual). (piano a Florindo)

Florindo. (Perchè tenermi nascosta una cosa, di cui con tanta premura ti avea ricercato?) (piano a Truffaldino)

Truffaldino. (El m’aveva pregà che no lo disesse), (piano a Florindo)

Florindo. (Chi?) (come sopra)

Truffaldino. (Pasqual). (come sopra)

Florindo. (Perchè non obbedire al tuo padrone?) (come sopra)

Truffaldino. (Per amor de Pasqual). (come sopra)

Florindo. (Converrebbe che io bastonassi Pasquale e te nello stesso tempo). (come sopra)

Truffaldino. (In quel caso me toccherave a mi le mie e anca quelle de Pasqual). (da sè)