Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, III.djvu/184

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Dottore. Sono sbirri >

Pantalone. No i xe sbirri. I xe galantomeni che m’ha agiutà per servizio e per carità. No m’ho volesto servir de sbirri; non ho volesto domandar el brazzo de la Giustizia, perchè trattandose de fioi, anca el pare, co l’ha giudizio e prudenza, el poi esser giudice e castigarli.

SCENA XXI (I).

ROSAURA, FlORINDO, OTTAVIO e COLOMBINA con uomini armati, e detti.

Dottore. Ah disgraziata, sei qui, eh? (verso Rosaura)

Pantalone. Zitto, fermeve. Arrecordeve del vostro impegno.

Dottore. Sì; fate voi. Finta, simulatrice, bugiarda. (a Rosaura)

Pantalone. Siora Rosaura, el so sior pare s’ha spogià de la autorità patema, el l’ha tutta appoggiada a mi, onde mi son pare e son in tei istesso tempo so giudice, e a mi me tocca disponer de eia; e a mi me tocca castigar quel fallo che disonora la so famegia. Giudice e pare son anca de ti, indegnissimo fio, reo convinto de più delitti; reo d’una vita pessima e scandalosa; reo del furto dei tresento scudi; reo d’aver mena via una putta onesta da la casa patema, e reo finalmente d’aver sedotto una povera serva. L’amor de pare ve sparagna i rigori de la Giustizia, perchè, se andessi in te le man dei giudici competenti, el vostro castigo saria più duro e più pesante de quello che ve destina el mio rigor, tempera da la tenerezza paterna; ma se avere ardir de resister a le mie disposizion, ve abbandonerò a le leggi del foro, e vedere la differenza che passa tra un giudice pare e un giudice criminal. Animo, prima de tutto se ripari l’onor. Diseme un poco, siori, in che stato xe le cosse vostre? (a Florindo e Rosaura)

Florindo. lo non v’intendo.

Rosaura. lo non vi capisco. (I) Corrùponde alla se. XIX delie edd. Pajq., Zatta ecc.