Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1909, VI.djvu/333

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

321

Paggio. Per me non me n’importa.

Arlecchino. Desìme un poco, voli che femo una cossa da boni camerada? Che se spartimo ste vinti doppie metà per un?

Paggio. Io per me ci sto.

Arlecchino. Animo, vegnì qua. Ma che nissun sappia gnente.

Paggio. Oh, io non parlo.

Arlecchino. Diese a vu, e diese a mi. (vuol levar le doppie dalla borsa)

SCENA XIX.

Guglielmo e detti.

Guglielmo. Cosa feu, sior poco de bon? (gli leva la borsa) Cussì se roba i bezzi alla patrona? E vu, sior desgrazià, ghe tegnì terzo?

Paggio. Io non so nulla.

Arlecchino. Cosa gh’intreu, sior scrocco? Deme i me quattrini.

Guglielmo. Tocco de furbazzo. Sti bezzi li averà chi li ha d’aver, e ti ti sarà castigà.

Paggio. (Fate che ve li dia). (ad Arlechino)

Arlecchino. Sangue de mi, vôi la me borsa.

Guglielmo. Va via de qua.

Arlecchino. Deme la borsa, o ve mazzerò.

Guglielmo. A mi, baron? A mi, furbazzo?

SCENA XX.

Bargello con Sbirri, e detti.

Bargello. Cos’è questo rumore?

Arlecchino. Sior bargello, quel scrocco m’ha roba una borsa con vinti doppie.

Bargello. Come?

Guglielmo. Son un omo onorato. Colù la voleva robar.

Arlecchino. Mi la voleva robar? La borsa el la gh’ha lu, e lu me l’ha robada a mi.

Bargello. Favorisca, andiamo. (a Guglielmo)