Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/191

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


ATTO PRIMO.

SCENA PRIMA.

Camera. Corallina ed Arlecchino seduto ad una tarvoletta, che mangia.

Corallina. Animo, animo, magne e beve, che ben prò ve lazza.

Arlecchino. Oh che onorata gastalda! Oh quanto che ve son obbliga ! Cussi sti bocconzini la mattina per el fresco i me tocca el cuor.

Corallina. Magne, che ve lo dago volentiera ; la xe roba mia, la posso dar a chi voggio mi.

Arlecchino. Alla vostra salute. (ieve)

Corallina. Bon prò ve fazza.

Arlecchino. Oh caro ! Oh che vin ! Oh che balsamo ! Alla vo- stra salute. (beoe)

Corallina. Oe, el xe del meggio che sia in caneva. Ai mi amici voggio darghelo bon.

Arlecchino. Ah ! vu sì fortunada che servì un patron ricco, ma mi servo un maledetto spianta, povero e superbo.

Corallina. Diseme, caro vu, come ve trattelo sior Ottavio?

Arlecchino. El me dà tre piatanze ed zomo.

Corallina. Tre piatanze? No gh’è mal. Cossa xele mo ste tre piatanze ?

Arlecchino. Polenta, acqua e bastonade.

Corallina. Oh che caro matto che se ! Oh cossa che me piasè !

Arlecchino. Alla vostra salute. (beve)

Corallina. Bon prò ve fazza ; qua almanco, in casa del sior Pan- talon, se magna da tutte le ore.

Arlecchino. Questa l’è la rabbia del me patron, che i altri magna e lu no.

Corallina. E pur el va qualche volta a magnar cmca elo de qua e de là.

Arlecchino. Ah, se savessi perchè el ghe va !