Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/236

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
226

Pantalone. Songio troppo vecchio?

Corallina. Oh giusto! Se el xe bello co fa un fior.

Pantalone. Ah! Ve par che sia ancora in stato?

Corallina. E come!

Pantalone. Me deu parola?

Corallina. Senz’altro.

Pantalone. Deme la man.

Corallina. Sior sì, la man e tutto quel ch’el vol.

Pantalone. Sarò vostro mario.

Corallina. Sarò so muggier.

Pantalone. Rancurè la roba, parecchiè tutto, e domattina vôi che se la battemo.

Corallina. E siora Rosaura?

Pantalone. L’ho maridada anca ela.

Corallina. Con chi?

Pantalone. Col sior Lelio. Credeu che la starà ben?

Corallina. Con quel gnocco la starà da regina.

Pantalone. Ah, bisogna che vaga. Corallina no più gastalda, ma novizza. Arrevéderse, cara.

Corallina. Sior patron ...

Pantalone. No più paron.

Corallina. Sior novizzo.

Pantalone. Sì ben, sior novizzo.

Corallina. Mi ghe vôi dir sior mario.

Pantalone. Ma zitto fin che la xe fatta, che nissun sappia gnente.

Corallina. Oh, mi no parlo.

Pantalone. Domattina mandemo via tutti. Femo le nostre cossette tra de nu. Se sposemo, e andemo in un liogo, dove che gnanca el diavolo ne trova fora.

Corallina. Dove anderemio?

Pantalone. Vederè, cara, vederè, ma zitto.

Corallina. Zitto.

Pantalone. Cara muggier.

Corallina. Caro mario.

Pantalone. Vien zente ... Oh gastalda, fe pulito.