Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/252

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Corallina. Animo.

Lelio. Ve lo dico.

Corallina. Cossa?

Lelio. Non posso più.

Corallina. Crepa.

Lelio. Cara ...

Corallina. Tiò suso. (gli dà uno schiaffo)

Lelio. Servitor garbatissimo di lor signori. (vìa)

Pantalone. E1 xe forte a dir quella bella parola, e tior su delle sleppe.

Corallina. Sior Pantalone, se gh’ ho tiolto sto anello, no l’ ho fatto miga a cattivo fin.

Pantalone. Per sta volta ve compatisse, ma da qua avanti, se volè anelli, se volè zoggie, parie con mi. Siori, andemo a disnar.

Corallina. Vorlo che porta in tola?

Pantalone. Vu portar in tola ? Se ave da esser mia muggier ! Anzi vegiù a tola con nu.

Corallina. Mi a tola con elo? No son gnancora so muggier?

Pantalone. Tolè la man. Sé mia muggier. Vegnì a tola con nu.

Corallina. Oh bravo ! Adesso mo ghe posso vegnir.

Ottavio. Prima di andar a tavola, terminiamo quest’ altro affare. Chi mi darà i mille ducati?

Pantalone. Nissun a sto mondo.

Ottavio. Questi si hanno a cavare dalla dote di vostra figlia. Mi avete data parola ; e se mancate, siete un villano, un asino, un malcreato.

Pantalone. Sala, patron, chi xe sto aseno, sto mal creato? Quello che gh’ ha dona un felippo per despegnar sto strazio d’ abito, che la gh’ ha indosso.

Ottavio. Come ! Non è vero nulla.

Corallina. Arlecchin voleva che ghe lo dasse mi.

Pantalone. E mi, per atto de compassion a Arlecchin, ghe l’ ho dà.

Ottavio. Non è vero ; Arlecchino è un briccone.