Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/288

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Brighella. Sempre cussi, sempre allegramente. Vu che mestier feu ?

Arlecchino. Fazz el servitor.

Brighella. Poverazzo ! sfadigherè tutto el zomo.

Arlecchino. Come un aseno, sior.

Brighella. Magnerè poco.

Arlecchino. Ho sempre fame.

Brighella. No gh’ avere mai libertà.

Arlecchino. Mai.

Brighella. Eh, vegnì a star con nualtrì.

Arlecchino. Oh magari!

Brighella. Qua gh’ avere da magnar e da bever ; sarè calza e vestido ; no pagherè fitto de casa, avere dei denari, sarè re- spettà, viazzerè, vedere el mondo, ve devertirè, e fora de qual- che sentinella e de un poco de esercizio, no gh’ avere gnente a sto mondo da far.

Arlecchino. Oh che bella cossa ! Ma ... i dis che i soldadi i va alla guerra, e alla guerra se mazza. No vorria che me toccasse sto beli’ onor.

Brighella. Eh giusto ! Semo soldadi anca nu, e semo qua, e semo stadi alla guerra ; e no semo morti, e stemo allegramente. A- nimo, alla vostra salute. (beve)

Caporali. V^olete venir a stare con noi ? Se volete, animo, que- sto è un abito.

Brighella. Cossa gh’aveu nome?

Arlecchino. Adecchin Battocchio.

Brighella. Animo, sior Arlecchin, voleu che scriva el vostro nome su sto libro?

Arlecchino. Scrivalo pur.

Brighella. Son qua. (scrive) Arlecchino Battocchio rimesso sol- dato ecc. Voleu denari?

Arlecchino. Se me ne dare, i torrò.

Brighella. Ve contenteu de un felippo?

Arlecchino. Sior sì, me contento.

Brighella. Tolè ; animo, putti, vestilo, (vestono Arlecchino da soldato) Seu contento?