Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/366

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Ottavio. Chi è? (si sveglia con flemma)

Pantalone. Aveu sentìo cossa che ho dito?

Ottavio. Niente affatto.

Pantalone. Donca cossa faremio?

Ottavio. Quello che fate voi, è ben fatto.

Pantalone. Orsù, deme el testamento de vostro cugnà (a), acciò possa servirmene, e farò mi quel che poderò, senza disturbarve.

Ottavio. L’ ho io il testamento di mio cognato ?

Pantalone. Sior sì. L’ altro zomo ve l’ ho lassa, acciocché con- siderò quel ponto del fidecommisso per la lite che s’ ha da far.

Ottavio. Io non me ne ricordo.

Pantalone. L’ avere letto pulito !

Ottavio. Quando leggo due righe, mi vien sonno.

Pantalone. Donca vegnimelo a dar, e destrighemose.

Ottavio. Io non so dove sia.

Pantalone. L’ avere messo in tei vostro burò.

Ottavio. Bene, prendetelo.

Pantalone. No volò vegnir a darmelo?

Ottavio. Sto tanto bene ; non mi incomodate.

Pantalone. Oh caro ! Via, le chiave, e lo torrò mi.

Ottavio. È aperto.

Pantalone. El burò averto?

Ottavio. Sì, aperto, io non serro mai.

Pantalone. Dove tegnìu i vostri bezzi?

Ottavio. Tutti in tasca.

Pantalone. E no se fa mai conti?

Ottavio. Mai conti.

Pantalone. Co no ghe ne xe più, i conti xe fatti.

Ottavio. Così per l’ appunto.

Pantalone. Bravo. Vago a tor el testamento. (s’alza)

Ottavio. Sì, andate.

Pantalone. E no savè gnente chi pratica da vostra sorella?

Ottavio. Io no. (a) Cognato.