Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/385

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Beatrice. Mi sta sul cuore Rosaura.

Brighella. Comandela farme sta grazia?

Beatrice. Da’ qui, vediamoli. Che conti sono?

Brighella. ^ La spesa quotidiana de un mese.

Beatrice. E troppo lunga questa faccenda. (Povera me, se Ro- saura fosse ingannata !) (da sé)

Brighella. Se la comanda, lezzerò mi (’).

Beatrice. Orsù, mi preme che andiate subito a vedere di Rosaura.

Brighella. Dove?

Beatrice. Fatevi dire da Ottavio il luogo dov’ ella deve essere andata. Presto, non perdete tempo.

Brighella. Ma la nota?

Beatrice. La nota la vedremo poi.

Brighella. La guarda. Ho avudo 30 zecchini ; ho speso 687 lire: resto creditor de lire 27.

Beatrice. Via, andate, che vi saranno bonificate.

Brighella. Volela che strazzemo el conto?

Beatrice. Sì, stracciatelo.

Brighella. Son creditor de 27 lire. (straccia la noia)

Beatrice. Andate, e tornate presto.

Brighella. Vado subito. (Oh che bella cossa ! Che conti ! Che dolce spender ! Che grazioso magnar !) (Ja sé)

Beatrice. (Per bacco. Costui mi mette in agitazione. Ma final- mente ho chiesto consiglio a mio fratello). (da sé)

Brighella. Signora ...

Beatrice. Non andate? (1) Segue nelle edd. Bett., Pap. ecc.: « Beatr. Sì, leggi, che ascollo. Brìgh. Al primo del mese un cappon, lire 6; do colombini, lire 3 ; manzo lire 8, a soldi 14, fa lire 7 ; oedello lire 1 2, a soldi 18, vai lire I / ; una pollastra, lire 4 ; una dindioiia, lire II; formaggio per tavola, lire 3. Beatr. Non ho bene, se non so qualche cosa di Rosaura. Brigh. A dì 3 marzo una bosega (a) 7 lire. Beatr. Oh diavolo ! 7 lire. Brigh. Oh, el pesse l’ era caro in quel zorno I Cievoli lire 3, a soldi 20 la lira, Val lire 4. Salata... Beatr. Ma qui è fallalo. Tre lire di cefali a 20 soldi la libra, Vogliono lire 3, e non 4. Brigh. Eh, ho falla mi. Quattro lire de peso i era. Oh, se la savesse quante volte che fallo in mio danno ! Mah ! chi spende, sempre ghe remette. Salata soldi 12. Oio... Beatr. Orsù, mi preme che andiate subito a De- cere ecc. >. (a) Un pesce della specie del muggine.