Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/427

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

IL TUTORE 413

Ottavio. Ehi, la mia doppia.

Pantalone. Costù sa come che el sta. El gh’ha paura de mi.

Arlecchino. E a mi chi me darà da magnar?

Pantalone. Mi te ne darò.

Arlecchino. E mi magnerò.

Ottavio. Signora sorella, siete maritata?

Beatrice. Per far bene a Rosaura.

Ottavio. (ride) E voi, nipote?

Rosaura. Per far bene a me.

Ottavio. (Ride) Andiamo a cena.1

Pantalone. Orsù, andemo a far le scritture de dota. Finalmente tutto xe giustà, tutto xe fenio. Lelio, spero che col matrimonio ti muerà vita. Te perdono tutto2. Siora Rosaura xe ben logada, e ho adempio al mio debito, e ho superà tutto, e ho sempre osserva quella giustizia, quell’attenzion, quella fedeltà, quella onoratezza, che xe necessaria in un omo onesto, che ha tolto l’impegno d’esser e che deve esser un bon Tutor.3

Fine della Commedia.


  1. Bett. e Pap. agggiungono: ad Arlecchino che lo conduce via.
  2. Bett. e Pap. aggiungono: e ai zaffi farò che l’ordene sia levà.
  3. Segue nell’ed. Bett. il seguente

    SONETTO.
    Mi tutor non son stà de quella razza
         Che scortega e tradisce i so pupilli;
         Che a forza de pretesti e de cavilli
         In tel sangue innocente i se sbabazza.
    Oh quanti ghe ne xe che magna e sguazza,
         In materia d’onor poco suttili:
         Ma al strenzer delle stroppe, oh quanti stili!
         No i sa quel che i se diga, o che i se fazza.
    Manizzar bezzi el xe un mistier che piase.
         Ma la roba dei altri scotta e brusa,
         E mai col cuor no se la gode in pase.
    Tutori, no stè a far quel che se usa;
         Perchè se adesso la conscienza tase,
         Un dì no gh’avere tempo, nè scusa.