Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/460

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Pantalone. Gnente. I zogherà a picchetto. (ironicamente)

Rosaura. Caro signor padre, non mi affliggete, non mi accrescete i sospetti.

Pantalone. Ah pazienza!

Rosaura. Io ho bisogno di chi mi consoli, non di chi pianga.

Pantalone. Povera desfortunada !

Rosaura. Sapete ch’ io mi sono maritata per obbedirvi.

Pantalone. Ah, pur troppo xe vero. Questo xe el mio rimorso. Questo xe el mio dolor. Veder una fia (a) sacriflcada per cimor mio. M’ arrecordo, fia mia, sì, m’ arrecordo che con modestia ti m’ ha fatto cognosser la poca inclinazion che ti gh’ avevi per ( sto pardo. Me son anca mi lassa acciecar dall’ ambizion, cre- ’ dendo che el farle contessa bastasse per far la toa e la mia ’- felicità. Me son lusinga che col tempo te podesse piaser el marie, e ho credesto che dovesse in elo durar quella tenerezza che , el mostrava allora per ti. O poveretto mi ! Ho pensa mal ; adesso me ne accorzo, che ho pensa mal. Doveva preveder che un signor grando, innamora de una putta de grado interior, r ama fintanto che noi pensa alla so condizion ; e noi ghe pensa, se no quando l’ è sazio dell’ amor, e co l’ è sazio, el cognosse el sproposito, e el se pente d’ averlo fatto, e l’ odia chi ghe l’ha fatto far. Povera putta ! Povera Rosaura ! Ti xe sacrificada per causa mia. Mi ho fatto el mal, e ti ti soffri la penitenza ; ma se ti vedessi el mio cuor, ti vederessi che el mio dolor xe tanto più grando del too, quanto xe più grando \^ d’ogni altro amor quello del pare, che supera tutti i amori del mondo.

Rosaura. Non mi fate piangere, per carità.

Pantalone. Rosaura, vien qua, fia mia, e ascolteme, e resolvi. Son ancora to pare. El vincolo del matrimonio no destruze quello della natura. To mano te poi comandar, ma to pare te poi conseggiar ; e se el mario te tratta con crudeltà, no ti man- cherà al to dover buttandote in brazzo d’ un pare, che te (a) Figlia.