Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1911, XI.djvu/135

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

L'IMPOSTORE 127


Brighella. Che l’è mo?

Orazio. La figliuola del signor Pantalone, che sarà mia consorte.

Brighella. Anca de più?

Orazio. Sicuramente. Non è piacevole il mestiere di Marte, se onestamente non vi s’interessa qualche graziosa Venere. (parte)

SCENA II.

Brighella ed i soldati.

Brighella. L’è un capo d’opera sto sior Orazio; ma gnanca mi, sia dito a mio onor e gloria, non son de manco de lu. Fazzo un pochetto el gonzo per scoverzer terren, ma so far la mia parte, e m’inzegnerò de farla. Com’ela, amici? Come stemio de peritosa? (verso i soldati) Aspettè, che voi che femo un poco de esercizio, ma no miga col schioppo, colla forchetta da una banda, col bicchier dall’altra: presentè vous armes, e voi altri. Ah! Chrich! (fa il cenno di mangiare e di bere, poi s’accosta all’osteria) O dell’osteria! Patron, camerieri, gh’è nissun?

SCENA III.

Arlecchino e detti.

Arlecchino. Chi è? Chi chiama? (uscendo dall’osteria)

Brighella. Ve saludo, galantomo.

Arlecchino. Servitore umilissimo. (Oimè! soldadi. Bisogna cavarse con politica). (da sè)

Brighella. Siu vu el padron dell’osteria?

Arlecchino. Signor no, vèdela. Son un garzon. (Politica). (da sè)

Brighella. (Furbo, te cognosso). (da sè) El patron dov’elo?

Arlecchino. L’è andà per certi interessi.

Brighella. Avì comodo nella vostra osteria de alozarme mi co sti galantomeni?

Arlecchino. No in verità, signor1, non avemo camere. Questa

  1. Pasquali, Zatta ecc., qui e più sotto: sior.